Dopo la terza posizione in gara nel Gran Premio di Aragon, Joan Mir è ora in testa al mondiale. Pur non avendo ancora conquistato una vittoria, lo spagnolo della Suzuki ha infatti dimostrato di essere uno dei piloti più costanti della classe regina.

Al termine della gara, però, Mir non era del tutto soddisfatto: "Cerco di non pensare al campionato e di concentrarmi sulle singole gare, ma oggi non sono molto contento perchè negli ultimi giri ho fatto fatica. Ho avuto qualche problema all'avantreno e non sono riuscito a tenere il passo dei primi due, ma sono comunque felice per il podio".

"La moto andava benissimo oggi"


Intervistato da Sky Sport, Joan ha parlato della bontà del progetto Suzuki: "Oggi la Suzuki era molto performante, specialmente nell'ultimo settore dove ho effettuato molti sorpassi. Riuscivamo a tenere una traiettoria migliore rispetto alle Yamaha e sono riuscito, infatti, a superare Quartararo e Morbidelli proprio all'ultima curva. Sul finale abbiamo sofferto un po' anche lì e ho subìto il sorpasso da parte di Marquez, ma eravamo davvero forti".

GP Aragon, Alex Marquez: “Verso la fine avevo un po’ più gomma degli altri”

"Speravo nella prima vittoria"


Nonostante la buona prestazione, Mir non ha nascosto il rammarico per la vittoria mancata: "Credevo e speravo che questa potesse essere la gara giusta per ottenere finalmente la mia prima vittoria in MotoGP, ma non è stato così. E' solo questione di tempo, poi arriverà anche quella. Alla fine, il campionato si vince con le gare, ma anche con la costanza".

MotoGP GP Aragon, Rins: “Ho fatto una partenza incredibile”

"Mi manca esperienza sul bagnato"


Pur avendo mancato il risultato sperato, lo spagnolo vede il bicchiere mezzo pieno, ripensando alla scorsa gara, in cui si è trovato in difficoltà sull'asfalto bagnato del Circuito Bugatti.

"Siamo andati comunque molto meglio rispetto a Le Mans - ha detto Joan -. In condizioni di bagnato come quelle dello scorso weekend faccio ancora fatica, perchè mi manca l'esperienza visto che in MotoGP ho girato davvero poco sotto la pioggia. Non ho il feeling che ho invece sull'asciutto, perciò la confidenza migliora di volta in volta facendo chilometri".

MotoGP GP Aragon, Dovizioso: “In gara abbiamo salvato il salvabile”