Un grande Franco Morbidelli ha vinto il Gran Premio di Teruel nella classe MotoGP. Il portacolori del team Petronas Yamaha ha imposto un grande ritmo alla gara chiudendo davanti alle due Suzuki di Rins e Mir nonostante le difficoltà delle altre moto della Casa di Iwata.

"Credo che, fino ad ora, sia stata la gara più bella della mia vita - ha ammesso Franco ai microfoni di Sky Sport -. Sapevo che sarei dovuto essere aggressivo fin dalla partenza e sono riuscito a scattare bene mettendomi immediatamente nel gruppo di testa. La caduta di Nakagami nelle battute iniziali mi ha permesso di avere la strada libera e sono riuscito ad andare al massimo fino alla fine."

"E' stata una vittoria di squadra"


"Franky" ha anche speso belle parole sulla squadra e sul capotecnico, Ramon Forcada, che l'ha aiutato a trovare il giusto set up: "Il merito della vittoria è mio, ma anche e soprattutto del team. Ieri sera sono stato fino alla sera con Ramon Forcada per trovare la giusta soluzione per oggi e scegliere le gomme giuste. Siamo risuciti a migliorare l'ultimo settore, che lo scorso weekend è stato il nostro punto debole. Ci abbiamo messo il cuore e abbiamo portato a casa il successo."

"E' stata quasi un'esperienza mistica. Quando me lo raccontavano altre persone, le prendevo in giro, ma ora ho capito e ho provato anche io questa sensazione. Riuscivo a fare tutto con naturalezza e mi sembrava che il tempo passasse davvero in fretta."

"Penso alle gare, non al campionato"


"Correre in MotoGP era il mio sogno da bambino ed arrivare addirittura a vincere della gare è davvero bello. Sono contento di essere quarto in campionato e non lontano dal leader della classifica - aggiunge Franco in conferenza stampa - ma al momento preferisco pensare alle singole gare e non al mondiale."

In conclusione, Morbidelli ha parlato anche di Rossi, grande assente di questi fine settimana: "Crescere con gli insegnamenti di Valentino è una bella fortuna. Con un pilota del genere al proprio fianco si riesce ad imparare qualcosa che non si potrebbe spiegare a parole. Viene tutto naturale guardando ciò che fa e che ha fatto durante la carriera. La sua assenza in pista si sente molto."

MotoGP, Ezpeleta sul Covid-19: "Non è cambiato nulla, continueremo a fare le gare"