Nel secondo dei due fine settimana al Motorland Aragon, è andato in scena il quarto appuntamento stagionale della Red Bull Rookies Cup 2020. Ancora una volta abbiamo assistito a due gare di gruppo senza esclusione di colpi, con le giovani promesse della serie propedeutica alla Moto3 che hanno regalato grande spettacolo e, per la prima volta quest'anno, due vincitori diversi rispetto al "solito" Pedro Acosta.

Gara 1: Ortola batte Acosta in volata


Solito "gruppone" da una decina di piloti nella gara del sabato pomeriggio, con vede un arrivo in volata tra gli spagnoli Ivan Ortola e Pedro Acosta ed il colombiano David Alonso, rispettivamente primo, secondo e terzo sotto la bandiera a scacchi racchiusi in meno di un decimo di secondo. Ortola diventa così il secondo vincitore stagionale dopo lo stesso Acosta, vincitore delle prime sei gare. 

Chuide quarto David Munoz, seguito da Salvador, Daniel Munoz, Van Den Goorbergh, Van Eerde, Uriarte e Guevara a chiudere la top ten. A punti Matteo Bertelle, tredicesimo, mentre conclude in sedicesima posizione il giovanissimo Luca Lunetta. Da segnalare anche la brutta caduta di Collin Veijer, vecchia conoscenza del CIV, portato successivamente al centro medico.

Gara 2: vittoria di Alonso, Acosta decimo


Come da pronostico, anche la seconda ed ultima gara del fine settimana si conclude con una volata che vede ben sei piloti racchiusi in meno di due decimi di secondo. A trionfare è il colombiano David Alonso, che precede gli spagnoli Munoz, Ortola, Holgado, Guevare e Uriarte. Ottima settima posizione per l'olandese Collin Veijer, ancora dolorante in seguito all'incidente di Gara 1.

Una contesa senza esclusione di colpi nel gruppo di testa, con il leader della classifica Pedro Acosta che, in seguito ad un contatto all'ultimo giro, finisce fuori pista e conclude in decima posizione. Lo spagnolo resta comunque al comando del campionato. Ancora a punti Matteo Bertelle, quattordicesimo, mentre chiude diciannovesimo Luca Lunetta.

Moto3 Teruel: Masia beffa Arenas e regala la vittoria numero 800 alla Honda