È durato soltanto due curve il Gran Premio di Teruel per Brad Binder. Il sudafricano, scattato dalla quindicesima posizione, ha innescato una carambola poco dopo la partenza coinvolgendo l'incolpevole Jack Miller, il quale partiva di fianco a lui.

Il rookie si è immediatamente assunto tutta la responsabilità dell'accaduto e, nelle ore successive, è stato comunicato dalla direzione gara che Binder dovrà effettuare un long lap penalty durante la prossima gara a Valencia.

 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram

Not the start that @jackmilleraus and @bradbinder both had in mind The pair crashing out at Turn 2 on the opening lap! #AlcanizGP #MotoGP #Motorcycle #Racing #Motorsport

Un post condiviso da MotoGP (@motogp) in data:

"Avremmo potuto fare una bella rimonta"


Per il pilota della KTM è il secondo episodio quest'anno dopo la carambola di Jerez che ha coinvolto Oliveira: "E' un peccato, è la seconda volta che accade ed è stato davvero un brutto errore. Mi scuso con Miller e con tutto il team Pramac per avergli rovinato la gara. Ero anche partito bene, ma in curva 2 mi sono ritrovato all'esterno e mi sono accorto in ritardo di essere troppo veloce".

"Vedendo i risultati delle altre KTM - continua Brad - sono contento del lavoro svolto, visto che tutte e tre le moto sono arrivate al traguardo in top ten. Avremmo potuto fare una bella rimonta anche noi. Rispetto alla precedente gara sullo stesso circuito abbiamo fatto un passo avanti e il merito è stato del metodo di lavoro della Casa, che ha provato differenti soluzioni utilizzando tutte e quattro le moto a disposizione. In generale, abbiamo migliorato sensibilmente l'uscita di curva diminuendo il degrado delle gomme. Due fattori che ci torneranno utili anche a Valencia".

MotoGP, Vinales: “Ho chiuso davanti a Quartararo, era l'obiettivo”