Il mistero su chi guiderà la seconda Yamaha M1 a Valencia non è ancora del tutto risolto, ma alcuni tasselli sono ufficialmente andati al loro posto. La prima notizia è che l’ultimo tampone effettuato da Valentino Rossi nella giornata di martedì è risultato positivo, cosa che però non esclude ancora del tutto la presenza del 46 a Valencia.

Nella giornata di oggi infatti il nove volte campione del mondo effettuerà un nuovo test che, se dovesse risultate negativo, gli consentirebbe di avere abbastanza tempo per svolgere un ulteriore test: se quest’ultimo dovesse anch’esso risultare negativo, ecco che Rossi potrebbe volare a Valencia e salire sulla sua M1.

Gerloff il sostituto

La situazione come facilmente intuibile è molto incerta, cosa che ha ovviamente portato Yamaha a tutelarsi nominando un possibile e molto intrigante sostituto. Trattasi di Garrett Gerloff, autentica sorpresa della stagione appena conclusa del mondiale Superbike. Nella sua stagione da rookie in sella alla Yamaha R1 del team GRT (che lo schiererà anche l’anno prossimo) Gerloff ha conquistato tre podi, mostrando una crescita esponenziale per tutta la durata della stagione.

Per Gerloff si tratterebbe ovviamente del debutto in MotoGP, dopo aver corso nel MotoAmerica e come detto in Superbike, e sarebbe il ritorno di uno statunitense su una Yamaha ufficiale dai tempi di Ben Spies, portacolori del team interno nelle stagioni 2011 e 2012.

MotoGP, situazione motori: Suzuki in vantaggio sull'affidabilità