Ospite del Campionato Italiano Velocità, Enea Bastianini ha ammirato le azioni di moto e piloti, prendendo egli stesso parte ad un turno di prove libere del giovedì. Con la sua Ducati Panigale, il pilota del team Avintia-Esponsorama ha tolto la "ruggine" accumulata nella pausa estiva, anche se in effetti, la sua vacanza marittima è stata da lui spesa in modo sapiente: "Ero in Sardegna - ha dichiarato, sfoggiando una abbronzatura perfetta - mi sono riposato e divertito. Mi sono pure allenato, perché adoro farlo ed è sempre utile muovere corpo e mente".

Entrambi gli elementi sono già proiettati al Gran Premio di Stiria: "Sì - spiega - da Assen all'Austria lo stacco è lungo, perciò voglio arrivarci coi riflessi reattivi. Da lì partirà la secona fase 2021, molto importante per me e per la mia classifica. Sicché sono venito a girare qui con la mia Ducati stradale. Mi piace sempre affrontare i cordoli di Misano, qui sono nato e non vedo l'ora di presentarmi per la gara di casa".

Gara di casa che, per la prima volta, il campione in carica della Moto2 vivrà da corridore della top class: "Speriamo ci possa essere più pubblico possibile - il suo auspicio - e vedere tanta gente in tribuna ed intorno al tracciato. Per me sarà una novità, dato che la classe regina e tutte le cose da imparare sono tante. Bisogna farlo step by step".

Rookie promettente


 

Il numero 23 è un debuttante già capace di andare a punti in diverse occasioni, tra le quali ben tre rientrando nelle prime dieci posizioni al traguardo. Per esempio, a Portimao è giunto nono: "Ho cominciato bene la stagione 2021 - descrive i temi del suo rendimento - ottimizzando il mio pacchetto e, in alcuni casi, ho espresso il mio potenziale, in altri ho faticato un po'. Tutto rientra nella normale fase di apprendistato".

Anche perché la MotoGP è una brutta bestia, ammette il "Bestia":"Esatto (ride) ed assai diversa dalla Moto2. Tutto cambia, potenza del motore, elettronica, gomme, freni. Ed attegiamento con la quale viverlà: il weekend è sempre lungo ed intenso, si passano ore ad analizzare più volte ogni singolo dato".

Sì, la regina richiede doti particolari, da Enea già esibite: "Dal punto di vista fisico è impegnativa, chiaro - racconta - ma dal punto di vista mentale lo è ulteriormente. Bisogna stare concentrato in ogni fase, stando attenti a tutti i dettagli. Poi, in gara, si viaggia forte dall'inizio alla fine. Il mio obiettivo è crescere ancora, di turno in turno".

Futuro dal sapore dolce e già assaporato


Rappresentanti Ducati quest'anno, rappresentante di Borgo Panigale pure l'anno prossimo. Bastianini conosce già il suo futuro, annunciato nei mesi scorsi: "Correrò ancora difendendo nome e colori del team Gresini - il suo entusiasmo - e, sebbene debba ancora finire questa stagione, non vedo l'ora di farlo".

Il romagnolo torna alle origini, in un certo senso: "Ai tempi della Moto3 mi trovai alla grande nella squadra di Fausto - ricorda - per Gran Premi di altissimo livello. Ora, purtroppo e lo sappiamo, lui non c'è più. Manca a me come manca a tutti".

Onorarne le gesta, ecco la missione di Enea: "I figli, la famiglia ed i ragazzi di Fausto stanno facendo un bellissimo lavoro, sono contento di rivederli qui al Campionato Italiano Velocità. Nel 2022 correrò nuovamente per il team Gresini, è fantastico solo pensarci, ma tutto vero. Darò il massimo in suo onore".

Delbianco show nelle qualifiche notturne Superbike del Campionato Italiano Velocità