Previo una videocall telematica, Dorna FIM e IRTA hanno deciso quanto segue: la MotoE del futuro cambierà format, proponendo un paio di novità volte a migliorare sicurezza ed incrementare spettacolo. La classe elettrica del Motomondiale, caratterizzata dalle Energica Ego Corsa, affronterà due manche a weekend.

Ciò significa che, ad esempio, una eventuale tappa di Misano avrà semaforo spento sabato e domenica, così come bandiera sventolata al traguardo. Con due gare ad evento, si assegnerà il doppio dei punti ed il campionato si rivelerà ancora più interessante.

Non solo: la E-Pole a giro secco e singolo sarà sostituita da da due sessioni classiche di qualifica, caratterizzate dalla durata di 10 minuti ciascuna. Ecco, in questo caso (forse ma non troppo) lo spettacolo scemerà: addio passaggio decisivo in stile SBK del passato e, invece, 10 piloti più lenti dei risultati combinati delle FP1 e FP2. La durata della Qualifica 1 sarà di 10 minuti senza limitazioni sul numero di giri. I due piloti più veloci nelle qualifiche 1 potranno ricaricare le loro moto in pit lane e ricevere anche una gomma posteriore aggiuntiva.

Poi, la Q2, a comprendere gli otto corridori più veloci dei risultati combinati delle FP1 e FP2, più i due piloti più veloci della Qualifica 1. La durata della Qualifica 2 sarà di 10 minuti senza limitazioni sul numero di giri.

Signore & Signori, ecco Bahattin Sofuoglu, erede di zio Kenan