Storie Sprint, Wayne Gardner: “Guardavo il diavolo negli occhi”

Storie Sprint, Wayne Gardner: “Guardavo il diavolo negli occhi”

La prima puntata del nostro podcast “firmato” da Jeffrey Zani è dedicata al campione australiano “Mentre sentivo i meccanici che scaldavano la mia Honda 500 a volte pensavo: ma ci devo proprio salire?”

Redazione

4 giorni fa

Quando taglia il traguardo del GP Australia del 1990, Wayne Gardner ha il polso gonfio come una papaya e la carena che balla come un aborigeno durante un rituale sacro. In gara ha siglato il giro più veloce facendo meglio della pole firmata il giorno prima dal pilota che lo segue a otto decimi, stesso passaporto e medesima livrea, quella Rothmans dell’iconica Honda 500 ufficiale, dietro alla visiera gli occhi di Mick Doohan, a completare una doppietta australiana nel round di casa per entrambi. Festa, apoteosi, delirio per le decine di migliaia di spettatori accorsi a Phillip Island per l

Abbonati per continuare a leggere

Questo è un contenuto riservato agli abbonati. Hai letto tutti gli articoli gratis del mese, non smettere di leggere e attiva l’offerta, tanti contenuti con un unico abbonamento.

Abbonati a € 0,99 € 2,99 al mese

Abbonati ora
  • Link copiato

Commenti

Leggi motosprint su tutti i tuoi dispositivi