Protagonista delle prove libere in Qatar, Aleix Espargarò ha concluso la gara con un 4º posto. Rientrato a Barcellona, è passato dal chirurgo per un’operazione al dito del piede. “L’operazione non ha nulla a che vedere con la caduta; semplicemente il giovedì ho avuto un problema con l’unghia del piede che il Dr. Mir ha trattato con una piccola incisione e con un’infiltrazione ma quando mi mettevo lo stivale, mi faceva male”. Hai avuto un weekend parecchio agitato: dal dominio nelle libere, alle cadute in qualifica sabato, fino al 4º posto in gara domenica … “Sono felice per come è iniziato il fine settimana, guidando i tre turni di libere e in generale del passo che ho sempre tenuto. In qualifica mi sono lasciato cogliere dal nervosismo per la pole position e sono finito per cadere due volte. Ero dispiaciuto per esser partito indietro e per aver distrutto due moto. Anche se non ero a mio agio in sella, alla fine siamo riusciti ad ottenere comunque 13 punti. Ovvio che la gara poteva finire molto meglio senza gli errori del sabato”. Quindi sei convinto che senza le due cadute avresti potuto lottare lì davanti con Márquez, Rossi, Pedrosa e Bautista… “Si, sarei potuto esser lì con loro perchè il mio ritmo era molto simile a quello di Marc e Valentino, ma stando dietro alle Ducati, perdevo almeno 10 o 15 kmh come velocitá di punta rispetto al primo gruppo. In Texas proveró a non ripetere gli stessi errori del sabato e di raggiungere una posizione in griglia piú alta”.