Cal Crutchlow è stato operato alla mano destra. Il pilota inglese della Ducati aveva concluso la gara di Austin, in Texas con un volo ad alta velocità, rimediando una gran botta alla mano destra. Così, è andato in America, a San Diego, per farsi visitare dal dottor James Chao. Le radiografie hanno evidenziato una piccola frattura e il distaccamento di una scheggia ossea al mignolo della mano destra: ora gli è stata inserita una vite in titanio. Inoltre Crutchlow soffriva di forti dolori e gonfiori a causa di una ritenzione di fluido. I medici hanno perciò deciso di intervenire per risolvere anche questo problema. “All’inizio il mignolo sembrava solo slogato - ha spiegato il pilota - poi si è evidenziata anche la frattura. E così ne ho approfittato per risolvere anche il problema dei gonfiori e dolori al braccio. Sembra ci fosse una cisti. Ora sembra essere andato tutto per il meglio, ma come andrano le cose lo scoprirò solo nelle prossime gare”. La prima occasione per mettere alla prova la sua forma fisica, arriverà presto: domenica 27 si corre in Argentina. Ma il pilota della Ducati è fiducioso. “Il mignolo non è fondamentale nella guida. Sono le altre dita che mi preoccupano un po’. Ora è tutto talmente gonfio che non riesco a vedere le nocche!. Comunque ci sarò in Argentina, danto tutto, come faccio sempre”.