Marc Marquez ha vinto anche il terzo gran premio della stagione. Una gara corsa in Argentina, in un circuito che nessuno (o quasi) aveva mai visto, Termas De Rio Hondo. Dopo la cavalcata solitaria di Aragon, quando il giovane campione spagnolo aveva preso il largo fin dalle prime battute, conducendo tutta la gara in una dorata solitudine, questa volta le cose sono state un po' meno facili. "Il primo giro è stato il più difficile, perché perdevo terreno. Ma mi sono concentrato e sono riusciuto a riprendermi bene" Poi Marquez entra nei dettagli. "La chiave per vincere questa gara è stata la gestione delle gomme. Specialmente la posteriore. Il mio stile di guida può mettere a dura prova la gomma dietro, così mi devo concentrare bene e stare attento a risparmiare la gomma per il finale". Marquez guarda avanti. La prossima settimana si torna già in pista, in Spagna. "La stagione è molto lunga. Naturalmente a Jerez cercheremo di vincere, anche perché non si sa mai cosa può succedere in futuro. Anche perché Pedrosa è molto forte su quella pista e tra me e lui ci sono solo 19 punti". Come Marquez, anche Dani Pedrosa ha soferto nel primo giro di Termas de Rio Hondo, ritrovandosi a risalire dal settimo posto. Lo spagnolo ha faticato a liberarsi di Stefan Bradl per la prima metà della gara, poi se l'è vista con Jorge Lorenzo. "Peccato non essere stato veloce fin dal'inizio - riflette Pedrosa - perché nel finale andavo veramente forte. Comunque un secondo posto è un buon risultato e mi dà una bella carica per Jerez, una delle piste che preferisco".