Domenica prossima, 1 giugno, si corre il GP Italia al Mugello e la sfida più attesa è quella tra Valentino Rossi e Marc Marquez. Per l’italiano il Mugello è una pista di grandi ricordi. Nove vittorie complessive, 7 nella classe regina. Ma per ritrovare gli ultimi momenti sereni di Valentino sulla pista toscana bisogna tornare indietro di 6 anni: era il 2008 l’anno della settima vittoria (consecutiva). L’anno scorso (gara vinta da Jorge Lorenzo) Rossi uscì di scena quasi subito per un contatto con Bautista. Quest’anno però è più in forma, ha un migliore rapporto con la sua Yamaha e in campionato, dove è terzo, ha 34 punti in più dell’anno scorso. Ha fatto 3 volte secondo (Qatar, Spagna, Francia)  sempre, ovviamente, alle spalle del fenomeno. Il guaio (per lui) è che Marquez è diventato una macchina da guerra. Non perde un colpo: su 5 GP, 5 vittorie e 5 pole. Micidiale. Però... “Il Mugello non è una delle piste più facili del Mondiale per me - dice Marquez, che nel 2013 dal GP Italia è tornato con il primo dei due “zeri”  (l’altro in Australia) - quindi massima concentrazione quest’anno”. E per quanto riguarda gli avversari “Valentino corre in casa, quindi darà il meglio di sé. Anche Lorenzo e Pedrosa al Mugello hanno sempre fatto buone gare. Quindi vincere al Mugello non sarà facile, lavoreremo duro, come facciamo per ogni gara”.