Sabato 28 giugno la MotoGP corre ad Assen, in Olanda. Una pista che a Dani Pedrosa piace parecchio. Sette volte sul podio, con una vittoria, la sua prima nel Motomodiale, quando correva con la 125, nel 2002. Quella di Dani Pedrosa è una posizione scomoda. E non da adesso. Buon pilota, ha vinto 1 Mondiale in 125 (2003) e due in 250 (2004 e 2005). Ma gli manca il titolo più importante, quello della MotoGP. Il problema di Pedrosa è che si è trovato schiacciato tra compagni di squadra che definire ingombranti è poco. Prima Casey Stoner, poi Marc Marquez. E non ha ancora rinnovata il contratto, in scadenza a fine anno con la Honda. In Catalunya quest'anno è riuscito a strappare la pole, poi in gara ha tento testa con onore a Marquez, poi però ha concluso terzo (Marquez primo, Rossi secondo). "Mi sono divertito in Catalunya -dice - è stato bello trovarmi di nuovo a combattere lì davanti" In campionato Pedrosa è terzo. Ora lo aspetta Assen. L'anno scorso non è riuscito a salire sul podio, terminando al quarto posto. "Beh, l'anno scorso non è stata una grande gara per me, ma spero di fare un passo avanti quest'anno. Perché questa pista mi piace, l'importante è trovare subito un buon setting. Anche le gomme qui saranno particolarmente importanti, perché ci sono parecchie curve molto veloci".