Una breve pioggia prima della partenza del Gran Premio di Germania ha portato allo start della gara su una pista che era in gran parte asciutta, ma con zone bagnate nel settore finale. Le condizioni difficili hanno portato nove dei ventitré piloti a partire dalla con le gomme slick, mentre i restanti quattordici  hanno preso il via sempre con le  slick ma dalla pit lane dopo aver cambiato moto durante il warm-up lap. Il Sachsenring è rinomato per essere un tracciato difficile per i piloti e le gomme. Ma cosa lo rende così impegnativo per gli pneumatici e tutto questo come influenza lo sviluppo degli pneumatici per questo tracciato?  «Ci sono molti fattori che rendono il Sachsenring uno dei più difficili circuiti della MotoGP per quanto riguarda lo sviluppo degli pneumatici», spiega Shinji Aoki, Manager del Bridgestone Motorcycle Tyre Development Department. «Prima di tutto, l'asfalto è molto abrasivo e provoca elevati tassi di usura, e poi ci sono molte lunghe curve ampie dove i piloti trascorrono molto tempo ad alti angoli di piega che causano l'innalzamento della temperatura delle gomme  sulla spalla sinistra dello pneumatico posteriore. «Inoltre, ci sono solo tre curve a destra e dieci  a sinistra e quindi abbiamo bisogno di progettare la spalla sinistra dello pneumatico per resistere a temperature estreme, mentre la parte destra soffre il problema opposto, deve essere progettata per riscaldarsi rapidamente e mantenere la temperatura. Gli scollinamenti implicano poi che gli pneumatici anteriori devono fornire molta stabilità in frenata. «Guardando i risultati del weekend di gara, sono contento che siamo stati in grado di fornire una dotazione di pneumatici che ha fornito il giusto equilibrio tra la sicurezza del pilota, prestazioni e durata», ha continuato Aoki. «La gara è partita in condizioni miste con macchie di bagnato su un circuito che andava asciugandosi ma non c'è stato un solo incidente, mentre un nuovo giro record assoluto è stato fissato da Marc Marquez nelle qualifiche del sabato». Ma qual è la differenza fondamentale tra una gomma da qualifica e le gomme Bridgestone da gara di MotoGP? «Il vecchio record di qualifica al Sachsenring è stato fissato da Casey Stoner nel 2008 con gomme da qualifica Bridgestone, quando correva per Ducati. La costruzione e le mescole in una gomma da qualifica sono progettate in modo che il pilota abbia livelli estremamente elevati di aderenza per un breve periodo di tempo, a scapito della durata. «Il fatto che possiamo avere ancora giri record che migliorano i tempi siglati sei anni fa con le gomme da qualifica è un ottimo indicatore di quanto siano importanti gli pneumatici nella performance complessiva di una moto; visto anche quanto le moto sono state sviluppate nel corso degli ultimi sei anni. Mi fa  piacere ogni volta che uno di questi record viene infranto: soprattutto in un circuito che è così esigente come il Sachsenring, quando uno pneumatico progettato appositamente per resistere almeno trenta giri su questa pista infrange un record conquistato con un set su pneumatici sviluppati per uno o due giri è un risultato significativo per noi. Marquez ha stabilito il nuovo record della pista con la stessa combinazione di pneumatici che ha utilizzato per la gara e questo dimostra la versatilità della nostro attuale generazione di gomme slick MotoGP ».