Marc Marquez nella storia. Lo straordinario campione spagnolo, che ha solo 21 anni, ha centrato a Indianapolis la decima vittoria di fila. Quest’anno nessuno lo ha battuto! Per trovare un altro pilota capace di fare la stessa cosa bisogna ritornare fino al 1997, con Mick Doohan. Alla fine lo spagnolo era raggiante, ma, come sempre tranquillo e mai sopra le righe.ma Marc Marquez, almeno in pubblico, non si dilunga troppo sui record. Lui ha sempre detto che quello che gli interessa veramente è il titolo, più che i record. “Certo, faremo festa. ma solo un po’,  perché la prossima settimana è già ora di tornare in pista, a Brno. Sulla pista della Repubblica Ceca, Marquez e Pedrosa hanno effettuato un test nella pausa tra il GP Germania e questo di Indianapolis. “All’inizio c’è stata una bella lotta con Valentino, Andrea Dovizioso e Jorge Lorenzo - racconta ancora Marquez - ma io mi sono divertito molto anche alla fine. La moto derapava un sacco! Però dovevo stare attento, perché Lorenzo era li, pronto ad approfittarne”. Marquez non è patito a razzo come al solito. Anzi, nelle prime battute di gara ha sembrato faticare. Poi il sorpasso su  Rossi e Dovizioso. “Sì, Valentino e Andrea battagliavano e io ne ho approfittato. ma il sorpasso più bello che quando in staccata ho passato sia Rossi che Lorenzo”. Di record in record, sono in molti a chiedersi se, una volta assicurato il titolo, magari a Valencia, a novembre, ultima gara di campionato, Marquez non abbia voglia di provare a fare lo... Spencer.  Correre nella stessa giornata in due categorie. “No, non penso. Anche la Moto2 è una classe impegnativa, con piloti che vanno forte. Direi che al 95 per cento non succederà”