Con la ripresa del campionaton della MotoGP,  la Ducati ha introdotto alcune modifiche della parte aerodinamica e del motore della Desmosedici. Il materiale è stato affidato solo ad Andrea Dovizioso e ad Andrea Iannone; la moto di Cal Crutchlow non beneficia più degli aggiornamenti, come è prassi comune in tutti i team in cui il pilota se ne andrà a fine stagione. Le modifiche sono indirizzate alla ricerca della prestazione, grazie ad una diversa erogazione della potenza, e della maneggevolezza. I piloti si sono detti entrambi soddisfatti (anche se in qualifica il motore di Iannone ha accusato un problema). La parte aerodinamica consiste in una serie di ampie feritoie verticali sulla carena che servono a smaltire meglio il calore; il nuovo disegno ha anche lo scopo di migliorare la maneggevolezza. L’aspetto più importante del pacchetto di novità riguarda però il motore, che ha favorevolmente impressionato anche i piloti. Garantisce 4 km/h in più, ma soprattutto una migliore accelerazione. Enrico Borghi L’articolo completo, e molte altre notizie sulla MotoGP, lo trovate sul numero di Motosprint in edicola da martedì 12 agosto.