Si corre in Giappone poco dopo l’incidente accaduto nel corso della gara di Formula 1 a Suzuka. E i piloti non sono rimasti indifferenti a questa tragedia. Soprattutto Valentino Rossi, che ha conosciuto personalmente il francese. “Jules Bianchi l’ho conosciuto quando correvo con la Ducati, durante la settimana promozionale che si organizzava a Madonna di Campiglio. Abbiamo fatto insieme una garetta con le Panda. È un ragazzo simpaticissimno pieno di talento. Ha avuto molta sfortuna, ma ci sono anche delle responsabilità. Non è possibile che in una via di fuga ci sia un trattore. Se un trattore entra dove una monoposto può uscire bisogna fermare la gara. In quei casi è necessario avere la safety car in pista”. Marc Marquez: “È sempre difficile gareggiare dopo aver assistito a queste cose. Ho visto la gara e poi il video dell’incidente. Quando succedono queste cose tutti noi pensiamo ai rischi che corriamo. Noi non possiamo fare altro che sperare il meglio per lui e la sua famiglia”. Jorge Lorenzo: “Non ho seguito bene la gara, ma soprattutto per le moto e con il bagnato Suzuka può essere un circuito pericoloso”.