Marco Melandri afida a twitter il suo pensiero dopo la seconda giornata di test MotoGP a Sepang. "Non riesco a guidare in nessun modo, frustrante".  Schermata 2015-02-24 a 15.56.50 Nel box dell'Aprilia Racing Team Gresini continua l'incessante lavoro di sviluppo sulla RS-GP, il nuovo progetto col quale la squadra italiana affronterà - con un anno di anticipo rispetto ai programmi originariamente annunciati, e proseguendo nel contempo l’impegno nel WSBK avviato con successo a Phillip Island - la sua stagione di debutto nella massima categoria del Motomondiale. Anche oggi è stato moltissimo il nuovo materiale testato. Marco Melandri ha affrontato la giornata proseguendo nell’attività di comparazione fra due moto con caratteristiche diverse, una decisamente vicina alla SBK guidata da Marco sino allo scorso anno, e una evoluzione della RS-GP nella versione vista ai test autunnali in Spagna. Per Marco l'obiettivo è trovare il feeling giusto con le nuove gomme, processo inevitabile prima di poter iniziare a spingere. Nel box numero 33 la sessione si è dipanata ricalcando quanto fatto ieri, ovvero continuando nella comparazione tra due moto decisamente diverse. Scelta dettata da due motivi: dare a Marco il tempo di assimilare senza pressione le caratteristiche tecniche dei nuovi materiali e combinare quanto di positivo raccolto con entrambe le soluzione per definire l'evoluzione del progetto RS-GP. “Oggi abbiamo continuato il lavoro iniziato ieri, partendo dalla moto di derivazione SBK e passando poi alla RS-GP”, ha detto Melandri.Il cronometro purtroppo ancora non ci premia, mi manca ancora quel feeling che mi permetterà di forzare e di guidare come voglio. Non fatichiamo in un ambito specifico, sono le sensazioni generali che devono migliorare prima di poter abbassare i tempi. Domani continueremo i test, non mi aspetto certo una rivoluzione, ma qualsiasi miglioramento diventa cruciale”.

Fiammetta La Guidara