Il fornitore ufficiale delle parti elettroniche quest’anno sarà impegnato su un duplice fronte nella classe regina MotoGP, con le moto divise tra specifiche ‘Factory’ e ‘Open’: a spiegarlo è Marco Venturi, responsabile di Magneti Marelli, che in una intervista alla rivista Motorcycle Racer ha parlato della sfida che li attende in questa stagione. “Innanzitutto seguiremo da vicino i nuovi team della classe Open. Ma saremo comunque fornitori del Campionato MotoGP sotto due diversi aspetti", ha detto Venturi. "I team Factory svilupperanno internamente i loro software e a loro forniremo la centralina ECU. Le squadre Open monteranno altri dispositivi aggiuntivi; il pilota potrà infatti interagire con la strumentazione durante la guida, rivedere la programmazione della centralina, monitorare i dati in tempo reale, definire la frequenza con la quale ciascun parametro viene registrato. “Nel 2016 tutti i team utilizzeranno il nostro software così come la centralina ECU, il tutto sviluppato in collaborazione tra le Case e l'Organizzazione - ma ovviamente non potremo seguire le esigenze di ogni squadra!" continua Marco Venturi. "Attualmente i team Factory possono decidere cosa, mentre per i team Open tutto è più ‘standard’. Presenteranno le loro richieste all’Organizzazione, che farà una selezione di tali richieste e deciderà quello che il nuovo sistema dovrà offrire e i relativi parametri richiesti. Potremo suggerire alcune piccole modifiche, ma elaboreremo il software in linea con i requisiti che l'Organizzatore ha stabilito in tema di Open, seppur con il contributo dei team Factory. Si tratta di una grande sfida per noi, ma siamo soddisfatti del successo e del rapporto che abbiamo instaurato con l'Organizzazione e i team della MotoGP”.