da Losail, Luca Bologna Sembra che il primo Gp della stagione 2015 stia per iniziare come è finito quello dello scorso anno, ovvero con il dominio di Marc Marquez. Lo spagnolo non sta avendo rivali e mentre lui continua a far segnare giri veloci, l'ultimo in 1.54.882 nelle FP3, alle sue spalle gli avversari si ammassano. "Oggi è stata una giornata molto buona per noi - ha detto Marc Marquez - perché abbiamo migliorato il nostro ritmo e questa è la cosa più importante. Abbiamo anche provato un paio di cose che ci hanno permesso di progredire. Vedremo domani se le condizioni della pista rimangono le stesse o migliorano, ma oggi abbiamo visto tempi molto vicini nella classifica e penso che domani lo saranno ancora di più. La cosa più importante sarà quella di continuare così in vista della gara di domenica". La notizia del ritorno alle gare di Stoner, poi, anche se limitata alla sola 8 Ore di Suzuka, ha portato a fantasticare su un possibile ritorno al Mondiale MotoGP del pilota australiano. Che su una Honda potrebbe essere un avversario tosto anche per "Re Marquez", in proposito, Marc è stato diplomatico: "Ho sempre detto che mi piacerebbe competere con Stoner perché ha uno stile simile al mio, guida molto con la gomma posteriore, e perché c'è sempre soddisfazione a confrontarsi con una leggenda del motociclismo". Poi ha aggiunto, con un certo sollievo "Però non credo che succederà". Il bello di queste prove sono anche i circa 10 piloti racchiusi in tre decimi di secondo, segno di un campionato molto equilibrato in questa zona della classifica. Nelle prime posizioni ci sono anche la Ducati, con la GP15 di Andrea Iannone molto veloce sul giro secco, terzo alle spalle di un vigoroso Cal Crutclow con la Honda del Team LCR. "In questi giorni - ha detto Iannone - e siamo riusciti a provare tante cose, diverse con esito positivo. Non ho ancora un feeling perfetto con la mia GP15, ma nonostante questo sono riuscito a girare in 1.55.6 con la gomma usata e credo che sia un ottimo passo. Però dobbiamo ancora migliorare perché ci manca ancora un po' di stabilità in frenata e questo è abbastanza importante in funzione gara, ma la velocità c'è e domani abbiamo ancora un quarto turno di prove libere per lavorare sulle rifiniture". Non ha brillato a livello di posizione in classifica, Valentino Rossi. Il pilota della Yamaha è nono alle spalle di Jorge Lorenzo e anche di Andrea Dovizoso che è addirittura sesto.  "Nonostante il risultato finale sia simile a quello di giovedì - dice Valentino - sono più contento di ieri. Il mio passo è migliore così come il tempo sul giro che è più basso. La cosa impressionante è che siamo in 10 piloti racchiusi in solo tre decimi. Sono nono, e la posizione non è fantastica, ma sono a posto sia con la gomma morbida che con la dura. Siamo a un buon punto con la moto, ma dobbiamo ancora migliorare. Quello che ha un passo migliore è Marquez, ma anche Lorenzo, Pedrosa e Dovizioso sono messi bene come passo. Per fare una gara combattuta come quella dello scorso anno dovremo metterci un po' più a posto". Non è stata una serata fortunata per Alex De Angelis, invece. Il pilota del Team Ioda è tra quelli che è caduto alla curva due di Losail. Al contrario di Loris Baz (anche lui scivolato li) e di altri, De Angelis ha trovato sotto la tuta una bella ferita sul ginocchio sinistro. Nonostante il volo, causato a quanto pare dalla gomma dura all'anteriore, non adatta alla ART su questo asfalto, rimane lui il migliore del gruppo Aprilia nelle combinate con il 22° tempo. A chiudere la classifica, è ancora una volta Marco Melandri, che non sembra molto beneficiare del lavoro al box dei tecnici Aprilia e Gresini. "Non è cambiato molto rispetto a ieri - ha detto il ravennate - abbiamo fatto diversi cambiamenti ma la mia situazione non è migliorata in maniera decisa, lavoriamo sui dettagli ma non ho ancora quel cambiamento sostanziale che sto cercando di raggiungere. Da parte mia continuo a impegnarmi al massimo, ora il mio obiettivo è fornire ai nostri tecnici gli spunti giusti per migliorare con decisione". CLICCA QUI PER LA CLASSIFICA FP3 DELLA MOTOGP IN QATAR