Andrea Iannone ha chiuso al terzo posto nella classifica combinata il venerdi delle prove libere MotoGP in Qatar, con un distacco di soli 170 millesimi dal leader provvisorio Marquez (leggi QUI). La classifica generale della giornata è veramente ravvicinata e vede ben 18 piloti racchiusi in meno di un secondo, e addirittura 8 piloti in meno di tre decimi. Andrea Iannone ha ottenuto il suo miglior tempo, in 1’54”992 al terzo giro della seconda sessione, utilizzando lo pneumatico posteriore con la mescola più dura a sua disposizione (media). Il pilota di Vasto è poi sceso in pista utilizzando per la prima volta le carenature laterali con le appendici aerodinamiche ed ha continuato a girare con un buon ritmo, ma è poi incappato in una scivolata senza conseguenze fisiche alla curva 2 nel corso del tredicesimo giro. “Sono soddisfatto perché alla fine siamo riusciti a ritrovare il feeling che avevamo raggiunto nei test, e siamo stati piuttosto veloci sia sul giro secco sia come ritmo di gara” ha spiegato Iannone. Per lui anche una caduta. “Sono entrato in curva e inaspettatamente mi si è chiuso l’anteriore. Stavamo provando delle soluzioni diverse a livello di setting e sono scivolato, ma per fortuna non mi sono fatto male. Per evitare le cadute qui a Losail bisognerebbe togliere la curva 2, perché si cade sempre in quel punto!”. Oggi ci si gioca la pole. “Con la gomma media siamo tutti lì, mentre la gomma morbida l’ho provata solo alla fine delle FP2, ma in condizioni non ottimali e quindi non so quanto vantaggio possa dare. Comunque secondo me, dal primo al quinto posto, a parità di gomma siamo tutti vicini.”