L'indiscrezione è di quelle importanti, e in parte arriva dallo stesso Dani Pedrosa: troppi dolori alle braccia, soprattutto all'avambraccio destro. Si chiama "sindrome compartimentale" ed è un problema che affligge molti piloti della MotoGP, soprattutto per lo sforzo muscolare al quale sono chiamati in staccata.Dani Pedrosa ne soffre in particolar modo, e durante l'inverno è stato anche operato - senza che la notizia venisse alla ribalta - ma a quanto pare durante il GP del Qatar la situazione non è migliorata.  Immediata la decisione nel dopogara, dopo l'ennesimo consulto con i medici: lo stop. La parola "ritiro" non è stata pronunciata ufficialmente, ma sembra che non vi siano grosse alternative come dice lo stesso Pedrosa. "La gara non è andata come previsto e purtroppo ho avuto seri problemi con il mio avambraccio destro, il che non è affatto una buona notizia per me", ha detto Pedrosa. "Ho lavorato molto duramente durante l'inverno per trovare una soluzione, perché questo problema mi ha fatto soffrire anche in molte gara della scorsa stagione. "Lo scorso anno ho fato anche un intervento ma non ho risolto niente. Ho preferito non dirlo pubblicamente. Ovviamente non era facile, ma Honda l'ha sempre saputo", ha detto Pedrosa. "I medici mi hanno raccomandato di non fare un'altra operazione al braccio, che potrebbe essere rischiosa: io ho seguito il consiglio e ho provato delle alternative, lavorando in modo non aggressivo. "Ora dovrò valutare le mie opzioni e vedere quello che posso fare: è probabilmente il momento più difficile della mia carriera. Farò del mio meglio per trovare una soluzione, ma in questo momento è difficile immaginare cosa potrebbe essere", ha aggiunto il compagno di squadra di Marquez.

Fiammetta La Guidara