I due piloti Pramac Racing si sono resi subito protagonisti di una grande partenza: Yonny Hernandez è scattato velocissimo ed è riuscito in un paio di giri a recuperare sei posizioni ed a piazzarsi al nono posto davanti a Danilo Petrucci, pure partito bene allo spegnersi del semaforo. Al terzo giro il sorpasso di "Petrux" che ha spinto forte seguito a pochi decimi da Yonny. Cinque giri più tardi, però, il pilota colombiano è scivolato nell'ultima curva prima del rettilineo d'arrivo senza poter riuscire a riprendere la gara. Danilo ha proseguito e ha lottato  in un bel duello con Maverick Vignales dovendo però cedere la nona posizione allo spagnolo a due giri dalla fine. Per il pilota di Terni la soddisfazione della Top 10 nel Grand Prix of The Americas e anche nella classifica generale (9° con 10 punti): “Sono partito bene ma il primo giro è stato un po' difficile e gli altri sono andati subito via", ha spiegato Danilo. "Ero un po' in difficoltà con l'agilità della moto avendo preferito privilegiare la stabilità. Questo mi ha esaurito fisicamente e dopo pochi giri sentivo la moto pesantissima. Ma è stata una mia scelta quindi nessuna recriminazione. Ho fatto una bella battaglia con Viñales. Io avevo più motore ma la moto scivolava molto e allora ho preferito non rischiare e portare a casa una Top 10. “Ringrazio la squadra e la Ducati. Tutti mi sta aiutanto tantissimo, sento di avere fiducia e questo mi permette di lavorare con calma per provare a stare nel gruppo davanti", ha aggiunto Danilo Petrucci. "Sarebbe stato bello chiudere al nono posto ma ci rifaremo a Rio Hondo, una pista che mi piace di più, diversa anche come caratteristiche”.