Prima gara europea per Aprilia, tornata al mondiale MotoGP quest’anno appoggiandosi al Team Gresini. Ad Austin è arrivato il primo punto grazie al piazzamento di Bautista, mentre Marco Melandri fatica ancora più del compagno di team. Questo finesettimana si corre a Jerez, in Spagna. “Una pista molto bella, ma anche molto difficile e completa dal punto di vista tecnico, presentando sia curve lente che curve veloci - spiega Melandri - Una situazione particolarmente impegnativa, la ripartenza dalle curve lente è un’area nella quale dobbiamo migliorare, ma conto molto sulle novità tecniche approntate da Aprilia in vista di questo appuntamento. Spero possano farci compiere un altro passo in avanti, noi daremo il massimo come sempre”.

Le immagini più spettacolari del GP Argentina

La prima parte di gare europee dovrà anche consentire al team di lavorare di più sulle moto e accelerarne lo sviluppo. “Le prime tre gare ci hanno messo di fronte alla dimensione della sfida che abbiamo accettato entrando in MotoGP con un anno di anticipo - spiega Romano Albesiano, responsabile del Racing Aprilia - Nessuna sorpresa ma la conferma che il livello di moto e piloti, cresciuto rispetto alle ultime stagioni, è altissimo. Per questo abbiamo accolto i primi progressi come un segnale positivo e importante. In particolare in Argentina abbiamo portato entrambe le moto al traguardo, ridotto il gap dai primi e chiuso a pochi secondi, poco più di quattro, da quel gruppo centrale che è al momento il nostro obiettivo. Inoltre Marco si è notevolmente avvicinato ad Alvaro a conferma di un miglior feeling con la moto. Sono tutte indicazioni importanti che dovremo confermare. Le prossime settimane ci consentiranno anche di sviluppare più rapidamente la RS-GP, operazione molto complessa durante le trasferte extra europee, per seguire le indicazioni uscite da questa prima parte di stagione”.