Andrea Dovizioso a tutto campo, in una intervista rilasciata alla TV spagnola Movistar. “Ho 29 anni e credo di essere arrivato al massimo livello: adesso posso raccogliere i frutti”. La stagione della MotoGP 2015 è cominciata bene, Dovizioso è secondo in campionato. Su quattro gare finora disputate, è salito sul podio tre voltre, nei primi tre GP. A parte l'incolore corsa di Jerez, è sempre stato competitivo. “Poter competere con una Ducati contro le Honda e Yamaha con i piloti che ci sono è qualcosa di speciale. Però non ho vinto quindi non è un’emozione così grande. Un pilota vuole vincere”. Nella prima gara della stagione, in Qatar, hai tenuto testa a Valentino Rossi. “Valentino è stato grandissimo in passato, ed è molto grande adesso. Da quel punto di vista non puoi competere. Non cerchi di essere più grande di lui. Bisogna essere maturi e capire che non è la cosa fondamentale essere il più grande, ma puoi comunque goderti la vita e goderti momenti e sensazioni stupende”. Dovizioso è una persona che non vuole apparire a tutti i costi. “Non sono una persona che vuoe far sapere tutto di sé al mondo. Se voglio fare beneficenza, o stare con i miei amici, non c’è bisogna che tutto il mondo lo sappia”. La Ducati quest’anno è un’altra moto “È diventata competitiva quindi adesso molti piloti vorrebbero una Ducati, ma questa è una soddisfazione anche per me. Quando riesci a guidare una moto come vuoi, è una sensazione importante che non è facile provare. E sai che c’è della sostanza per il futuro”.