Lo scorso anno a Indianapolis  Valentino Rossi  arrivò terzo dietro il suo compagno di squadra Jorge Lorenzo. Con le modifiche al layout e il nuovo asfalto le Yamaha faticarono a trovare un buon feeling e l'attuale leader della classifica generale non riuscì ad essere competitivo su questo circuito. La sua unica vittoria risale al 2008, anno di esordio della MotoGP e nel 2014 è rientrato nella Top 3 a Indianapolis. Il nove volte iridato dovrà fare i conti con Marc Marquez, che ha vinto su questa pista negli ultimi quattro anni e nell’ultima gara, al Sachsenring, mostrando di aver ritrovato la moto vincente. Il pesarese inizia la seconda metà di stagione come favorito al titolo: è leader della classifica e con 13 punti di vantaggio dal suo compagno di squadra; ma ci sono ancora nove gare e tutto può succedere. Il pilota di Tavullia eviterà, per quanto possibile, di replicare la gara del 2009, quando indossava il casco con un asino e a metà gara una caduta lo costrinse al ritiro. "Sono pronto per tornare a correre la seconda parte della stagione. Ho avuto un paio di giorni di riposo e sono stato in vacanza con i miei amici, ma non ho abbandonato gli allenamenti", dice Rossi. "Avevo bisogno di una pausa, mi sono ricaricato e adesso sono pronto. "Ci aspettano altre nove gare e ognuna di esse sarà importante per il campionato. La prima parte di stagione è andata molto bene sono sempre salito sul podio; spero di mantenere questo ritmo. "In calendario ci sono dei circuiti che mi piacciono molto e altri dove invece dovrò difendermi. Ricominciamo da Indianapolis: non è uno dei miei circuiti preferiti, ma c'è sempre una grande atmosfera qui e la pista è molto bella. Sono carico!" conclude Rossi.