di Riccardo Piergentili da Misano Adriatico Lorenzo, al contrario di Rossi, appare sereno e sorridente, nonostante abbia chiuso la sua gara nella via di fuga, in modo rovinoso. Jorge ha parlato della sua gara un'ora dopo Valentino. Forse per trovare di nuovo la calma che aveva perso. Chi l'ha incontrato al medical center, infatti, ha detto che Lorenzo era furioso. Ed è normale, perché oggi ha rischiato di farsi male e ha concesso a Rossi un calcio di rigore. Per fortuna di Jorge, Valentino ha colpito la traversa, cioè non ha sfruttato fino in fondo la situazione. Ora per Lorenzo sarà tutto molto difficile, anche perché Marquez è tornato il Marquez che tutti conoscevano e anche se a volte commette degli errori può vincere su ogni pista, "rubando" punti preziosi a Lorenzo. Cosa è successo in nel giro in cui sei caduto? "Molto semplice. Ho commesso un errore. Ho iniziato a spingere quando le gomme non erano ancora in temperatura e ho affrontato la prima curva a sinistra dopo la lunga sequenza di curve a destra, veloci, con troppa aggressività. Ho perso il retrotreno e sono caduto". Quindi avresti potuto evitare facilmente quell'errore? "Sì. Avrei dovuto essere più paziente. Sarebbe bastato questo e sarei rimasto in piedi. Però non è andata così e sono finito a terra". Cosa provi in questo momento? "Sono molto dispiaciuto. Per me e per il team ma... soprattutto per me". La gara è stata caratterizzata da numerosi errori strategici. In molti hanno commesso degli errori. Pensi che una comunicazione radio tra box e pilota possa essere utile e risolvere dei problemi? "Penso di sì. In condizioni come queste avere un colloquio con i box sarebbe di aiuto. Però noi abbiamo una tabella con delle lettere e dei nuemeri e dobbiamo usare quella però non è questo il punto. La verità è che alcune volti prendi la decisione giusta ed altre quella sbagliata. A Le Mans, nel 2009 io sono stato il più bravo, perché ho cambiato la moto presto, mentre Valentino ha ritardato il suo ingresso ai box ed è caduto. Oggi, invece, io sono finito a terra. Può capitare".