Al ritorno dal GP delle Americhe il pilota Honda Cal Crutchlow ha trovato ad aspettarlo una brutta sorpresa: la sua casa in Toscana, infatti, è stata "visitata" dai ladri. Ad annunciarlo è lo stesso pilota britannico, tramite il suo profilo Twitter. Crutchlow fa anche un elenco degli oggetti mancanti, fra i quali una bicicletta, caschi e tute di pelle, di cui una unica con logo Ducati. La buona notizia è arrivata poco più di un'ora fa: il furgone Volkswagen Transporter lwb 4Motion con targa tedesca al quale era affettivamente legato è stato ritrovato a Serravalle, dopo l'appello lanciato tramite Instagram e Twitter. Cal Crutchlow, tra l'altro, non doveva avere già il morale molto alto dopo il GP di Austin: è caduto infatti all’ottavo giro dicendo addio al suo settimo posto e a punti utili in classifica iridata. Ma il portacolori Honda non si è ritirato, è tornato in pista  concludendo la gara anche se ormai la sua prova era compromessa; a fine competizione ha tagliato il traguardo solo al sedicesimo posto. "La mia staccata è stata troppo lunga e forse avrei dovuto ridurla; la moto non ha una grande accelerazione e significa che devo recuperare tutto in frenata", ha commentato Crutchlow. "Siamo veloci e abbiamo un grande ritmo, senza dubbio, ma ci manca lo spunto. Sono partito dalla seconda fila in griglia di partenza e avrebbe potuto finire molto meglio la mia gara, l’errore è stato mio. Adesso dobbiamo recuperare e cercare di lavorare in modo diverso perché quello che abbiamo fatto fino ad ora non ha funzionato. Devo impegnarmi insieme al mio team per fare bene nel prossimo GP”. Fiammetta La Guidara