Jorge Lorenzo e la sua Yamaha hanos svettato nel primo turno di prove libere della classe regina in Andalusia. Il maiorchino, passato recentemente a Ducati per il 2017, è sembrato da subito concentrato e motivato a ripetere sua vittoria andalusa anche nel 2016 dopo aver vinto nella passata stagione. Il primo pilota ad uscire dai box è stato proprio Lorenzo. La sua M1 presenta un cambio tecnico importante per questo primo atto di GP: il serbatoio posteriore. Primo tempoè quello di Hector Barbera di Avintia Racing poi è il turno di Valentino Rossi, compagno di box di Lorenzo e a seguire Marc Marquez di Repsol Honda. Il numero 99 salta subito in vetta alla tabella crono ma poi si ritrova in sesta posizione. Comanda la classifica provvisoria Rossi, 1:41.908s il crono dell’italiano che ricede la vetta a Lorenzo mentre Andrea Dovizioso, Ducati Team sale al terzo posto a 0.363s dal primo. Maverick Viñales, Suzuki Ecstar, è solo nono staccato di oltre un secondo dal primo tempo mentre Barbera resta con i quattro più veloci e, quando manca poco più di mezzora alla fine della FP1, sale al comando della tabella tempi. Lo spagnolo su Ducati lascia la vetta della classifica a Marquez, 1:40.944s è il tempo del numero 93 ma si vede nuovamente strappare il primato provvisorio da Barbera. In questa fase Dovizioso scivola al quinto posto seguito dal compagno di scuderia Andrea Iannone. Mentre Michele Pirro, Ducati Octo Pramac Yankhnich, è diciottesimo a oltre due secondi dalla vetta. Per il pilota pugliese e sostituto temporaneo dell’infortunato Danilo Petrucci inizia il terzo GP della stagione. Quasi tutti i prototipi in questa prima sessione di libere montano le appendici aereodinamiche laterali volte al miglioramento aerodinamico e alla stabilità in curva. Senza alettoni, è la M1 di Rossi che a venti minuti della fine domina la tabella tempi e strappa il primato a Barbera, 1:40.677s il crono del pesarese. Anche Marquez impone il suo tempo su quello del connazionale, il talento di Cervera è ora secondo a 0.161s dal numero 46 ma Barbera qualche passaggio dopo tornerà primo con il crono di 1:40.527s. Le posizioni di vertice restano queste fino alle battute finali con  Viñales che sale al quinto posto seguito dal compagno di box Aleix Espargaro sesto. Le due GSX-RR hanno il telaio del 2015. Davanti a loro si impone Lorenzo che infine sigla il miglior crono della FP1 con il tempo di 1:40.270s. Barbera è secondo e Rossi terzo seguito dalle due Repsol Honda di Marquez e Pedrosa. Le due Ducati ufficiali di Dovizioso e Iannone sono al nono e all’undicesimo posto mentre Pirro è diciannovesimo. Qui i risultati delle FP1.