La prima vittoria di Valentino Rossi al Mugello risale al 1997: allora il pesarese non aveva conquistato ancora nemmeno uno dei suoi 9 titoli iridati e festeggiò il suo successo con una bambola gonfiabile che richiamava la top model tedesca Claudia Schiffer. Era stata una “frecciatina” al suo rivale Max Biaggi che in quel tempo i gossip volevano vicino a Naomi Campbell.

Due anni dopo arrivò il  successo in 250cc, sfiorato nel 1998, quando si era piazzato secondo, alle spalle di Marcellino Lucchi: Rossi corse con una livrea speciale 'Peace & Love' sulla sua Aprilia. Valentino era già talmente popolare che l’invasione del pubblico provocò la caduta del pesarese, dopo il cameraman Gigi Soldano.

La prima battuta a vuoto di Rossi sul tracciato toscano fu nella stagione del debutto nella classe regina: correva l’anno 2000. Rossi puntava a diventare il primo pilota italiano a vincere una gara della 500 cc al Mugello. Fu a lungo in bagarre con Loris Capirossi e Max Biaggi, ma scivolò nelle fasi finali della gara e a vincere fu Capirex.

Ancora una caduta l’anno dopo, in sella alla Honda NSR500 con una livrea hawaiana. Da allora Rossi ha smesso di cambiare le grafiche della carena, concentrandosi invece sulla personalizzazione del casco in occasione del round del Mugello.

Dal 2002 Rossi ha inanellato sette vittorie consecutive sul circuito del Mugello. Dal 2008, però, si è fermata la sua striscia vincente.

Nel 2010, addirittura, incappò in una caduta alla Biondetti nelle prove libere del sabato mattina e si fratturò la tibia destra. Dopo due piazzamenti nelle edizioni successive, nel 2013 ci fu un’altra battuta a vuoto: Rossi fu tolto di scena poco dopo il via da un contatto con Alvaro Bautista.

Nel 2014 è tornato sul podio, alle spalle di Marc Marquez e Jorge Lorenzo e lo scorso anno ha replicato, con una terza posizione dietro a Jorge Lorenzo e Andrea Iannone.

Quest’anno però Valentino vorrà dare veramente il massimo. Ha riavvicinato Lorenzo e Marquez in classifica di campionato – ora è a -12 da Lorenzo e a meno 7 da Marquez -  e sappiamo bene che vuol dimostrare che lo scorso anno non è stata la sua ultima chance per il titolo…