Michele Pirro, collaudatore ufficiale Ducati, ha preso parte ieri al GP del Mugello come wild card ed è rientrato nelle prime dieci posizioni dopo una gara di sostanza.

“Sono soddisfatto perché il mio obiettivo era quello di rimanere entro i venti secondi di distacco dal vincitore e ci sono riuscito", dice Michele Pirro, che porta ai box anche sei punti in classifica iridata.

"Probabilmente avrei potuto fare anche meglio, ma da metà gara ho iniziato ad avvertire una vibrazione alla gomma posteriore, tanto che negli ultimi due giri ho praticamente mollato. In ogni caso è stata una gara positiva, anche perché abbiamo potuto portare a casa delle informazioni molto utili su alcune nuove parti che stiamo testando", aggiunge Pirro.

"Voglio ringraziare Ducati, il Test Team e tutti i ragazzi che lavorano a casa, perché abbiamo fatto un bel lavoro ed è sempre una grande emozione correre qui al Mugello su una Ducati”, conclude Pirro.

La gara al Mugello si colloca nel progetto più generale che da anni vede impegnato il pilota pugliese, ovvero quello di collaudare le Ducati non solo in prova ma anche nelle prestazioni portate al limite della gara. Pirro prederà parte ad altri GP in questa stagione sempre come wild card e con molte probabilità sarà in griglia di partenza come terzo pilota Ducati ufficiale ai GP di Misano e a Valencia.