Ad Assen il collaudatore ufficiale Ducati MotoGP Michele Pirro ha corso sulla Ducati Avintia dell'infortunato Loris Baz, ma è caduto durante la seconda parte di gara cancellando così un suo possibile arrivo nelle prime sette posizioni. Un GP d’Olanda al di sotto delle aspettative, dunque.

“È stato un fine settimana molto difficile, credo uno dei più complicati della mia carriera ma le corse sono queste", spiega Michele Pirro. 

Nella prima sessione di corsa il numero 51 è rilegato nelle basse posizioni ma, dopo la bandiera rossa e il riavvio, prova un grande recupero e si mette all’inseguimento delle prime cinque posizioni tentando la lotta per essere tra i migliori sette. Una pozza d'acqua e la conseguente scivolata mettono fine alla sue prova.

"Sono deluso e dispiaciuto per la scuderia perché nella seconda parte di gara avrei potuto lottare con i primi sette ma sono caduto e non ho potuto fare nulla per evitare la scivolata", aggiunge il collaudatore della Ducati ufficiale.

"Avremmo potuto ottenere un buon risultato, mi dispiace molto per il team Avintia con il quale ho vissuto comunque una bella esperienza. Mi aspettavo un risultato migliore. Ringrazio molto la scuderia per questa opportunità, la prossima volta spero di fare meglio", conclude Pirro.