Andrea Dovizioso ha chiuso al sesto posto  il GP di Gran Bretagna. Il pilota forlivese partito dalla quarta fila ha compiuto una bella rimonta riuscendo ad agganciarsi al gruppo di testa, ma poi un indolenzimento all’avambraccio destro gli ha impedito di spingere negli ultimi giri. Per il numero 4 del Team è il primato tra i prototipi di Borgo Panigale nella gara di Silverstone è la conferma che, al di là dei problemi fisici ai quali si è aggiunta anche la caduta di sabato e l’infortunio nei test a Misano, la moto è competitiva.

 “Dopo essere scattato bene alla prima partenza, nel secondo start non sono riuscito a ripetere il bell’avvio e sono rimasto un po’ attardato perdendo contatto con il gruppo di testa”, spiega Dovizioso.

“Ho dovuto forzare tanto per provare a chiudere il gap con loro, ma non riuscivo a guidare bene e verso metà gara ho iniziato ad avere un problema all’avambraccio destro e da quel momento la mia gara è stata un vero calvario”, continua il ‘Dovi’.

“Mi dispiace per la squadra, perché potevamo raccogliere sicuramente di più, ma non riuscivo assolutamente a forzare. Per restare in sesta posizione ho rischiato di cadere molte volte, perché faticavo a mantenere il controllo totale della moto. Peccato, perché vedendo il passo dei piloti che avevo davanti avremmo avuto la possibilità di giocarci la seconda posizione”.