Jorge Lorenzo non vince da più di tre mesi: l’ultima volta è stata il 22 maggio, al GP d'Italia al Mugello. Da allora una serie di prove in ombra, problemi nel trovare le migliori sensazioni sul bagnato e in generale in sella alla sua M1 del team Movistar hanno minato il tentativo di Lorenzo di riconfermarsi il più forte della MotoGP.

Anche la gara a Silverstone ha offerto poche soddisfazioni al maiorchino che ha tagliato il traguardo all’ottavo posto dopo essere scattato dalla terza fila. A fine gara Lorenzo ha manifestato tutto il disappunto i problemi con le gomme, a mescola morbida davanti e media dietro, che lo hanno relegato a centro gruppo con un distacco di oltre 19 secondi dal vincitore Maverick Viñales del team Suzuki.

Un fine settimana da dimenticare, come la gara”, dice Lorenzo. “Non mi sono mai sentito a mio agio e non abbiamo trovato il setup ideale. Ho provato una nuova messa a punto ma non ha funzionato. In gara vedevo il secondo gruppo davanti a me ma non sono riuscito a prenderlo. La ruota davanti era molto instabile e ho dovuto ridurre il ritmo rispetto a quello che avevo all’inizio della gara.

Sto avendo molti problemi con le gomme questa stagione e spero che Michelin possa trovare delle soluzioni per l’anno prossimo”, conclude Lorenzo sconsolato.