Marc Marquez sbarca a Phillip Island da campione del mondo e promette spettacolo, perché ora vuole dimostrare di essere il numero uno a suon di vittorie: "Non mi aspettavo di vincere il campionato del mondo così presto. Meglio così. Ora ci divertiremo, perché potrò rischiare un po' di più... A Motegi è stato difficile capire che avevo vinto il titolo. Abbiamo fatto una gara strepitosa, ho perso la voce a furia di festeggiamenti. Ci siamo divertiti molto. È stato un momento bellissimo e per fortuna l’obiettivo è stato centrato a casa della Honda. Questo è stato il mondiale che desidertavo di più, dopo gli errori del 2015".

PHILLIP ISLAND FAVORISCE I SORPASSI - Marquez ha anche ricordato la gara 2015: "Qui, in Australia, ne vedremo delle belle. Lo scorso anno, su questa pista, abbiamo vinto, dopo una bella lotta con Iannone. È un tracciato impegnativo, in cui vedremo sicuramente tante battaglie, perché la conformazione del circuito favorisce i sorpassi".

CORRERE CON NICKY È FANTASTICO - Marc sembra avere già archiviato la vittoria del titolo e sta pensando al futuro: "Dopo la vittoria del mondiale ho festeggiato, ho dormito un giorno intero, ho giocato a cricket, ho speso un po’ di soldi con Miller al casinò. Insomma, niente di speciale. Ora però la festa è finita e c’è un gran premio da fare e bisogna tornare concentrati. Avrò al mio fianco Hayden. Per me è un’esperienza speciale correre con Nicky, come correre con Dani. Li ricordo insieme, nel team ufficiale quando avevo 15 anni e abbiamo partecipato a un evento Honda. Un ricordo bellissimo!".