"Sono dispiaciuto per la mia qualifica perché in questi due giorni abbiamo lavorato davvero bene: purtroppo quando abbiamo montato la gomma posteriore slick abbiamo avuto un problema, credo causato dalla bassa temperatura esterna e quindi, senza il feeling necessario per provare a spingere forte, sono rientrato ai box". Andrea Dovizioso spiega così la nona posizione al termine delle qualifiche oggi in Australia.

Il meteo ha condizionato le prove e le qualifiche sul circuito di Phillip Island. Con una temperatura costante intorno ai 12 gradi è stata la pioggia intermittente, unita al vento freddo, ad essere protagonista del sabato di GP.

Dopo aver disputato la FP4, interrotta per oltre mezz’ora a causa di un nubifragio, Dovizioso ha preso parte alla Q2 segnando i migliori crono con pneumatici anteriori e posteriori intermedi. Il pilota del Team si è poi fermato ai box per montare una gomma slick posteriore da usare su una pista che si stava asciugando ma non è riuscito a sfruttare il poco tempo rimasto e ha chiuso la sessione nono con il tempo di 1:33.09s.

"Peccato, perché oggi siamo sempre stati nei primi cinque e con la gomma intermedia nella prima uscita delle Q2 ero terzo. Abbiamo fatto il cambio gomme al momento giusto e sicuramente potevamo giocarci le prime due file, che era il nostro obiettivo. Domani partire in terza fila certamente non aiuta, però credo che abbiamo tutto il potenziale per poter fare comunque una bella gara”, conclude Dovizioso.