Al via della nuova stagione della MotoGP ci sarà un'attesa protagonista: KTM. Nei primi giorni di test non ufficiali, quelli riservati ai collaudatori, a Sepang è sceso in pista Mika Kallio, che ha dato un grosso contributo allo sviluppo. I piloti della stagione saranno Pol Espargarò e Bradley Smith.

AL TOP - “Gli obiettivi sono molto alti e la Casa ha una ambizione senza limiti, cosa buona o meno buona", ha dichiarato Pol Espargarò in un'intervista con Mundo Deportivo."Vogliamo essere migliori dell’Aprilia e avvicinarsi alla Suzuki. Però dobbiamo scendere in pista e stare con i piedi per terra. Tutto dipende dal test di Sepang, dove proveremo alcuni particolari importanti come ad esempio tre telai diversi, da lì capiremo la nostra velocità di sviluppo. Siamo sotto pressione, ma ho una gran voglia di iniziare”.

IN VISTA DEL 2018 - L'obiettivo di Espargarò nel primo anno in KTM è ragionevole.“Essere soddisfatto a fine stagione. Non posso dire se riuscirò ad arrivare decimo, quindicesimo o ventesimo, dipenderà molto da come inizieremo il precampionato. Se a fine 2017 avremo raccolto soddisfazioni, l’anno prossimo sarà un grande anno”. KTM è sostenuta da uno sponsor importante come Red Bull. Quando a Pol Espagarò è stato chiesto se si sente questo appoggio importante dentro il team, la risposta ha denotato grande orgoglio. “La differenza tra Yamaha, Honda e KTM è che per i primi la MotoGP è un progetto in più mentre per noi è il ‘progetto’. Siamo i più giovani ma la nostra ambizione non ce l'ha nessuno”.