La scuderia Octo Pramac Racing è stata presentata nello splendido Castel dell’Ovo, sul golfo di Napoli. In questo 2017, la squadra italiana parteciperà alla sua quindicesima stagione MotoGP. Invariata la formazione: in sella alle Ducati Desmosedici, rispettivamente GP17 e GP16, ci saranno Danilo Petrucci e Scott Redding.

PASSIONE E COINVOLGIMENTO - “Padrone di casa” è stato Paolo Campinoti, team principal e dall’inizio di questa grande avventura al timone della scuderia: “Quello che abbiamo davanti sarà un anno duro e una grande sfida ma noi ci la metteremo tutta, con passione e coinvolgimento. Il rapporto con Ducati, la nostra Casa madre, quest’anno è ancora più forte”. Francesco Guidotti, team manager, dichiara: “L’obiettivo è migliorare a piccoli passi, puntiamo sui piloti giovani nell’insegna del rinnovamento. Anche quest’anno abbiamo cambiato diversi uomini ai box, ma l’obiettivo è mantenere un livello qualitativo alto. Mi aspetto un inizio difficile, il divieto di soluzioni aereodinamiche come le 'alette', ha inciso molto sulle prestazioni; ma noi continueremo a puntare i nostri obiettivi, crescere e battere le rivali giapponesi”.

CONTINUITA’ E LEGAMI - La grafica delle Desmosedici è simile, nei colori e nello sviluppo a quella della passata stagione dove a dominare è il rosso spezzato dal bianco e da decisi particolari blu. La creazione del Reparto Corse di Borgo Panigale vestita Pramac Racing è stata salutata anche da due uomini del Team: Paolo Ciabatti, direttore sportivo Ducati e Gigi Dall’Igna, direttore generale. Il legame tra Siena, sede della scuderia non ufficiale e Bologna è forte; il team Pramac non è un semplice satellite ma una scuderia direttamente supportata dalla fabbrica. Già protagonista dei primi test 2017 il team Pramac sarà presto impegnata nelle terze prove precampionato a Losail che inizieranno il 10 marzo. Il 26, sulla stessa pista, il primo GP della stagione.