"È un grande peccato perché è stata una bella gara, tirata sin dall’inizio alla fine. Nella fase centrale ero un po’ in difficoltà ma negli ultimi giri andavo veramente forte e quindi ho provato a vincere..." sono queste le prime parole di Valentino Rossi dopo la grande delusione della caduta.

Il nove volte iridato del team Yamaha, arrivato a Le Mans in vetta al campionato, è scivolato all’ultimo giro quando era in corsa per la vittoria, la numero 500 di Yamaha.

Il successo è andato al compagno di box Maverick Viñales, che acciuffa anche la leadership in campionato con 85 punti dopo un duello emozionamte.

Rossi, dopo essere scattato dalla prima fila è rimasto nelle posizioni di testa. La sfida iniziale è stata con Johann Zarco per il secondo posto e, una volta superato il pilota francese, la lotta è stata con Viñales. Rossi è riuscito ad andare al comando ma Viñales ha risposto beneficiando di una sbavatura del pesarese. Mentre tentava un ultimo attacco , Rossi ha perso la ruota dietro in percorrenza della curva nove.

"È stata una bella lotta con Maverick. Sono riuscito a passare davanti, avevo un buon passo, ero veloce. Ho sentito l’odore… (della vittoria, ndr). Ho fatto un errore alla curva 6, sono arrivato un po’ troppo forte e sono andato lungo. Viñales mi ha ripassato. Sapevo che non era ancora finita, ci ho riprovato perché nel T4 ero molto veloce", spiega ancora Rossi.

"Ma all’entrata della curva 9 non ho capito, mi è partita la ruota dietro. Una cosa stranissima; ero veloce come gli altri giri, piegato come gli altri giri ma sono caduto. Di solito lì devi stare un po’ attento all’anteriore invece ho perso la ruota posteriore. Non me lo aspettavo. Strano, ma sicuramente qualcosa è successo perché sono caduto”.

"Se tornassi indietro, staccherei prima alla sei", conclude Rossi. Il pesarese adesso è terzo in campionato, alle spalle della Honda di Dani Pedrosa, con 62 punti. E tutto è rimandato al Mugello.