Quando a nove giri dal termine della corsa una leggera pioggia ha iniziato a cadere sulla pista di Assen, probabilmente Petrucci ha pensato che il GP Olanda 2017 sarebbe potuto essere il "suo" gran premio. Danilo è stato veloce durante tutto il weekend. La partenza dalla prima fila, una gara corsa insieme ai primi. Poi la fuga di Rossi, al quale, sull'asciutto, Petrucci non poteva resistere. Sull'asfalto umido con le gomme slick, però, Danilo era molto veloce. Petrucci contro Rossi. Negli ultimi giri del GP Olanda avremmo potuto assistere a questo duello, che di fatto non c'è stato, perché Danilo è stato ostacolato da due doppiati (Barbera e Rins) ai quali non è stata esposta la bandiera blu.

DOPPIAGGI DIFFICILI - "Ho preparato gli ultimi tre giri e ho visto che nell'ultimo settore ero un po' più veloce di Rossi, però a Barbera e Rins non hanno esposto le bandiere blu e mi hanno ostacolato, prima al penultimo giro, poi all'ultimo giro - ha dichiarato Petrucci -. Alla fine sono arrivato vicino a Valentino ma ho dovuto recuperare terreno dopo ogni doppiaggio. Sono molto arrabbiato. In safety commission parliamo sempre di regole, regole, regole... poi non vengono esposte le bandiere blu. Tra un paio d'ore, forse, sarò contento. Qui, lo scorso anno, la gara è stata interrotta quando ero in testa. Quest'anno avevo preparato tutto al meglio, sono stato calmo e quando avrei potuto lottare per la vittoria non ho avuto la possibilità di farlo a causa dei doppiati".

Qui potete leggere il commento del GP Olanda di MotoGP.