Con la vittoria sul circuito di Brno, Marc Marquez consolida il suo primato in classifica. Lo spagnolo della Honda è estremamente soddisfatto anche perché non si aspettava di conquistare il gradino più alto del podio su un circuito che notoriamente non ama.

“Non è stata una vera e propria strategia; in questo weekend ho fatto tutto bene, ma ho sbagliato in griglia di partenza: guardando il tempo e soprattutto l’asfalto ho pensato di partire da subito veloce; per quello ho cambiato la gomma morbida, ma quando sono andato dentro c’era ancora tanta acqua", spiega Marquez.

"Alla fine però, quando è passato un giro e ho visto che aumentavano i secondi che riuscivo a guadagnare, mi sono accorto che le cose stavano andando per il meglio", aggiunge il talento di Cervera

Il vantaggio era talmente elevato da permettergli di tirare un po' il fiato nelle ultime fasi.

“Alla fine ho rallentato perché non volevo rischiare troppo; vedevo che stavo facendo fatica. Dopo la gara di oggi sono sicuramente più ottimista per il titolo mondiale, ma il campionato resta ancora molto lungo.

"Sono felice perché non pensavo di far bene in questo circuito, invece è andata davvero alla grande”, aggiunge Marquez, che dedica il successo ad Angel Nieto: Durante il minuto di silenzio sembrava che tutta Brno piangesse per Nieto; questa domenica è dedicata a lui”.