“Chi osa vince”, è questo lo slogan del Gp di Silverstone e loro, i piloti, sono pronti ad osare, anzi, molto di più. Si sono accesi i riflettori con la conferenza stampa di presentazione di questo weekend inglese che si preannuncia al cardiopalma e con una grande novità su tutte, la nuova procedura del “flag to flag”.

LE MODIFICHE CONVINCONO A META’ - Dopo il Gran Premio d'Austria, e soprattutto dopo quanto accaduto a Brno dove il cambio moto ha provocato l'incidente tra Andrea Iannone e Aleix Espargarò, si è riunita la safety commission e con i piloti si è cercato di trovare una soluzione più idonea. Dalle prime indiscrezioni, che però troveranno concretezza soltanto domani dopo le prove, quando i piloti proveranno a fare questo “nuovo” flag to flag, si tratta di qualcosa di molto più lento, non ci sarà più il salto da una moto all'altra e il pilota al suo arrivo troverà la moto all'interno del box e non più fuori, infine sarà uno dei tecnici del team che con la paletta accorderà il “via” per partire. Nuova procedura che per adesso non convince molto i piloti: “Sulla carta – afferma Marc Marquez - non mi piace ma voglio provarlo e poi dirò cosa ne penso”. Della stessa opinione il suo compagno di squadra Dani Pedrosa al quale questa novità non sembra la soluzione migliore. Dovizioso commenta: “nell'ultimo weekend non siamo riusciti a trovare una soluzione con la safety commission, abbiamo suggerito molte cose c'è sempre chi è contento e chi no, domani faremo una prova e poi prenderemo tutti insieme una decisione finale.” 

REPLAY? - Intanto, tiene ancora banco il combattimento all'ultima staccata tra Dovizioso e Marquez del Red Bull Ring austriaco: “Ho guardato e riguardato la gara sul divano – commenta Marquez - ed è stato bello, il Dovi è stato velocissimo c'ho provato ma lui è stato più veloce di me.”
“L'ultima gara è stata incredibile - ha aggiunto Dovizioso - guardandola in tv ero più nervoso di quando ero in moto e l'ultima curva è stata folle, sono rimasto concentrato ed ho preso le decisioni giuste. Spero di ripetermi anche questo weekend, il tracciato inglese è bellissimo, ci sono avvallamenti e il clima è particolare, entriamo in questo fine settimana molto felici e rilassati e staremo a vedere.”

YAMAHA INDIETRO - Un po' più di ansia si respira invece in casa Yamaha, dove, Valentino Rossi, seppur felice di come sono andati i test di Misano, intervistato dai microfoni di Sky, ha commentato così il suo stato attuale: “Penso che per come sto andando quest'anno sarà difficile lottare per il campionato, prima di pensare al mondiale dobbiamo riuscire ad essere competitivi, a salire sul podio perché sennò si fa fatica. Abbiamo parlato tanto con i nostri ingegneri e c'è tanto lavoro da fare, penso che andiamo incontro ad un periodo tecnico difficile perché sembra che sia la Honda che la Ducati abbiano fatto un grosso step, ma credo anche che in alcune piste riusciremo ad essere competitivi e speriamo che anche qui a Silverstone riusciremo a stare davanti.”
“Stiamo migliorando, - ha aggiunto l'altro pilota Yamaha Maverick Vinales - a Misano abbiamo lavorato molto sull'elettronica e mi sento molto fiducioso per Silverstone.”

PISTA SEGNATA - Quel che è certo è che la preoccupazione maggiore qui in Inghilterra, non riguarda solo il meteo ma soprattutto gli avvallamenti della pista nella quale si corre anche la Formula uno: “Ci sono molti avvallamenti –  ha commentato Dani Pedrosa – e c'è anche un asfalto diverso a seconda di dove ci si trova nella pista e l'elettronica e l'assetto della moto avranno un ruolo importante nella gestione di queste condizioni.”