Temperatura mite e i raggi del sole che la fanno da padrone durante la matinata di prove libere inglese. Poi nel pomeriggio la situazione del meteo cambia. Di seguito il riassunto della giornata...

COMMENTO FP1 - Insieme al blu del cielo, anche quello delle Yamaha ha spiccato a Silverstone. Il pilota spagnolo Maverick Vinales è stato il più veloce nelle prove libere 1 della mattina con il tempo di 2:02.130. A seguirlo Lorenzo, che nonostante una pista non proprio facile a livello fisico, ha deciso ugualmente di utilizzare la nuova carena strutturata con le ali. Da segnalare il fatto che i due sono stati gli unici a rientrare a pochi minuti dalla fine con le gomme nuove: media - media per Vinales, media – soft per Lorenzo. Allo scadere dei 45 minuti di Fp1, dietro Vinales e Lorenzo, si piazza Crutchlow poi Márquez, quinto Rossi, sesto Bautista, settimo Zarco, ottavo Aleix Espargarò, nono Redding, chiude la classifica dei primi dieci Dovizioso.

Tra i big restano fuori dai primi dieci Dani Pedrosa 14esimo, Iannone 18esimo e Petrucci 19esimo che è costretto a fermarsi a due minuti dallo scadere del tempo per problemi alla moto. La prima sessione di prove libere lascia quindi la Yamaha soddisfatta: "stiamo lavorando soprattutto sul setup, - ha detto Mario Meregalli del Team Yamaha - abbiamo iniziato con il piede giusto, Vale è soddisfatto, Maverick ha lamentato soltanto un po' di grip al posteriore." Anche in casa Ducati, Dovizioso accenna un sorriso sul suo decimo tempo: "E' complicato come sempre prendere il ritmo su questo tracciato, lungo e con molte buche, ma le condizioni sono buone, non abbiamo grandi problemi con la temperatura delle gomme."

COMMENTO FP2 - Ore 15 si torna in pista più carichi che mai, i tempi sono importanti per la classifica combinata e con il meteo pazzerello inglese è sempre bene rimanere nei primi dieci. Le prove dureranno un quarto d'ora in più per permettere ai piloti di provare il flag to flag, che qui a Silverstone è l'argomento che più tiene banco, oscurando anche le gomme e le numerose buche della pista. Ognuno avrà una propria zona davanti al box con una traiettoria precisa, in pit lane ci saranno meno meccanici per avere più sicurezza.

C'è chi pensa anche a semafori o luci lampeggianti. Intanto si inizia a girare, gomme nuove per Valentino che entra con la doppia hard e anche per Dovizioso che mette le medie. A 3 minuti dal via brutta caduta per Marquez che rimane un attimo a terra ma poi si rialza ed esce a piedi zoppicando dalla pista.? Brutto outside per lui che era entrato con le gomme hard e che probabilmente non aveva ancora in temperatura. Vinales firma il miglior tempo dopo 8 minuti dal via con 2:02.365 con gomma soft all'anteriore e media al posteriore, passano due minuti e Crutchlow va in testa con 2:01.918.? Dai box riparte Marquez con l'altra moto equipaggiata con gomma hard all'anteriore e media al posteriore. Bene anche Rossi che si piazza in seconda posizione a soli 3 decimi da Cal che migliora il suo tempo in 2:01.730. Gli basta un giro lanciato a Marquez per strappare il secondo posto a Rossi, poi altri due giri mentre la maggior parte dei piloti sono ai box e il pilota spagnolo firma il miglior tempo in 2.01.611.

A 21 minuti dalla fine, Lorenzo diventa il pilota Ducati più veloce arrivando al quarto posto in classifica, Dovizioso è sesto. A 13 minuti dalla fine Pol Espargarò con la doppia media ed un giro spettacolare si piazza in terza posizione a 3 decimi da Marquez. Mancano gli ultimi dieci minuti e nell'aria si sente odore di time attack: il primo a migliorarsi è Zarco che si piazza in terza posizione, Dovizioso va forte e lo segue in quarta posizione, Marquez ci riprova ma non riesce a migliorarsi, Rossi intanto rientra con gomma soft al posteriore e media all'anteriore.

Ma è ancora Crutchlow a fare il miglior tempo in 2:00.897, mentre Marquez cade di nuovo, riesce a risalire in sella ma poi rientra ai box a due minuti dalla fine.? Sventola la bandiera a scacchi sul circuito di Silverstone, Valentino tenta un ultimo giro da paura ma non ce la fa a battere Crutchlow che resta il più veloce. Alla fine della prima giornata di prove, questa la classifica dei tempi combinati: primo Crutchlow con 2:00.897, secondo Rossi con 2:01.138, terzo Vinales con 2:01.168, quarto Aleix Espargarò che con la sua Aprilia registra il tempo di 2:01.592. Al quinto posto si piazza Marc Marquez in 2:01.611, lo segue in sesta posizione Jorge Lorenzo in 2:01.655, settimo Pol Espargaro' in 2:01.832, ottavo Zarco con 2:01.885, nono Dovizioso in 2:01.839. Chiude la classifica dei primi dieci Scott Redding in 2:01.933, rimangono fuori Andrea Iannone (undicesimo), Danilo Petrucci (sedicesimo) e Dani Pedrosa (diciassetesimo) che trova molta difficoltà in questa pista a causa delle molte buche.