Se i rinnovi dei contratti hanno tenuto banco durante la prima conferenza stampa dell'anno andata in scena nel circuito di Losail, al momento, chi si trova ad avere un futuro incerto è Johann Zarco. Per il francese, che ha dichiarato di volersi concentrare esclusivamente sul 2018, dal prossimo anno per forza di cose non sarà più un pilota Tech3, o meglio, non potrà più far parte del team di Hervè Poncharal e correre in sella ad una Yamaha. E' nota ormai a tutti, infatti, la notizia che il manager francese ha deciso di abbandonare Yamaha dal 2019 per approdare in Ktm, ma al momento rimane ignota la scelta che farà Zarco. Continuerà con Yamaha o si sposterà in Ktm?

RIPARTIAMO DAL 2017 - Intanto, senza pensare troppo al futuro, la cosa migliore da fare è restare con i piedi per terra e Zarco, nonostante lo scorso anno abbia conquistato il titolo di rookie of the year, ne è ben consapevole: “non mi aspettavo di essere in questa posizione, a dire la verità non mi aspettavo neppure di ottenere i bei risultati raggiunti nel 2017. Sicuramente aver fatto bene qui in Qatar mi ha dato la spinta giusta per iniziare e aver fatto bene nelle altre gare mi ha reso ancora più felice. Sono contento anche dei test invernali che hanno dato un sorriso a me e al team quindi adesso ho davvero voglia di inziare.”

QUESTIONI SCOTTANTI – A proposito delle decisioni future, poi, Zarco è ancora in alto mare e non si sbilancia, ma chissà che non stia aspettando l'occasione giusta...”Tech3 – dice - andrà con ktm ma non cambieranno i piani. Non so cosa farò l'anno prossimo per adesso voglio sfruttare al massimo la moto sarebbe una buona conclusione per il connubio con Yamaha.”

IL CAMPIONATO – Anche a lui viene rivolta la domanda su chi sia il favorito per il titolo 2018: “Ci sono tanti piloti in gioco – spiega - con Marc Marquez davanti a tutti come punto di riferimento, l'obiettivo è sicuramente batterlo.”
Ma Zarco, arrivato dalla Moto2 lo scorso anno, ha come pilota di riferimento anche Valentino Rossi e sul suo rinnovo del contratto commenta:”dobbiamo dire grazie a Rossi, lui realizza il nostro sogno se avesse smesso prima non avremmo potuto avverare il sogno di correre con lui.”
Infine, l'ultima domanda rivolta al francese arriva a bruciapelo: “Pensi di poter vincere il campionato?”
“È una grossa domanda,  - risponde - in questa situazione è davvero troppo per poterlo dire, arrivare nelle prime cinque posizioni in campionato è già qualcosa però è più semplice dirlo che farlo, sfrutterò al massimo la moto e cercherò di essere davanti ma devo capire come farlo su ogni circuito.”