MotoGP, Dall’Igna: ‘Petrucci merita una Ducati ufficiale’

MotoGP, Dall’Igna: ‘Petrucci merita una Ducati ufficiale’
"Abbiamo una opzione con lui e Miller che scade a fine giugno. C'è anche Lorenzo in ballo ma sembra che oggi abbia meritato la Ducati", ha detto Paolo Ciabatti

22 maggio 2018

Lo aveva detto, Danilo Petrucci, che avrebbe fatto del suo meglio a Le Mans e poi anche al Mugello in vista del suo futuro (leggi qui).

E così ha fatto: il pilota del team Pramac è stato un grande protagonista del GP di Francia, conquistando il secondo posto e regalando le uniche gioie in Casa Ducati. Dovizioso, infatti, era caduto subito dopo essere andato al comando, e Lorenzo ha percorso al comando le prime fasi del GP per poi precipitare in sesta posizioni.

Con la sua prestazione, il ‘Petrux’ ha mandato un chiaro messaggio in Ducati: il ternano non soltanto ha tenuto a bada Valentino Rossi, ma ha provato anche ad andare a prendere il leader Marc Marquez. Una prestazione maiuscola, iniziata fin dalle qualifiche, che lo avevano visto scattare dalla prima fila.

VERSO LA DUCATI UFFICIALE - “Ha fatto una gara favolosa”, ha commentato il direttore generale di Ducati Luigi Dall'Igna a Sky Sport, parlando della grande prova di Petrucci. Se va avanti così, è assolutamente vero, merita una Ducati ufficiale”.

Poco dopo anche Paolo Ciabatti ha parlato di Petrucci. “Grandissima gara di Danilo”, ha detto il direttore sportivo di Ducati. “Parleremo nei prossimi giorni del suo futuro con l’obiettivo di prendere la decisione subito dopo il Mugello ma la prestazione di oggi di sicuro lo aiuta. Ha fatto un passo importante nella direzione giusta. Abbiamo una opzione con lui e Miller che scade a fine giugno. Vedremo, c’è anche Lorenzo in ballo ma sembra che oggi abbia meritato la Ducati”, ha concluso Ciabatti.

IL RITMO GIUSTO“Ho fatto un po' di fatica con l'anteriore ma ho gestito il posteriore molto bene. Ho cercato di seguire Marc e la sua velocità, mi è andata bene", ha detto Petrucci. "Sono partito tranquillo, alla prima curva ero quinto come previsto, poi ho trovato il ritmo giusto.

"Avevo vissuto un momento difficile tra l'Argentina e il Texas, ma oggi sono molto contento”, ha aggiunto ‘Petrux’. “Un podio è sempre importantissimo per me, anche se mi manca sempre la vittoria. La svolta? Di sicuro abbiamo fatto un importante passo avanti. Non so se aiuterà per il mio futuro, so che devo fare meglio dell'anno scorso, di sicuro è un ottimo risultato perché sono vicino ai migliori in classifica e ci permette di arrivare carichi al Mugello".

  • Link copiato

Commenti

Leggi motosprint su tutti i tuoi dispositivi