Brutta caduta per Tito Rabat durante i test sul circuito di Montmelò lo scorso mercoledì: il portacolori del team Reale Avintia Racing è stato portato al centro medico prima di essere trasferito all'ospedale Quiron Dexeus a Barcellona.

Dopo aver confermato di non avere ossa rotte nonostante il forte dolore al gomito sinistro, Rabat si è sottoposto ad un'ecografia che ha rivelato una lesione muscolare di 3 centimetri. Fortunatamente non servirà alcun intervento chirurgico, anche se il braccio è stato immobilizzato con una ingessatura.

Oltre alla lesione muscolare, Rabat ha riportato una contusione del nervo dell’ulna e un edema osseo al gomito sinistro.

Lo spagnolo è stato dimesso questa mattina. E’ ancora troppo presto per prevedere se Rabat potrà correre al Mugello ma la squadra è ottimista riguardo alla possibilità.

UNA STAGIONE POSITIVA - "Abbiamo già lasciato l'ospedale e tutto è stato molto positivo, sia le cure ricevute sul circuito che qui a Dexeus, dove il Dr. Charte e il Dr. Mir mi hanno trattato molto bene", ha detto Rabat.

"Ieri abbiamo pensato che sarebbe stato molto difficile correre al Mugello, perché avrebbero dovuto operare, ma stamattina abbiamo fatto altri esami ed è stato deciso che dovrò tenere il gesso sul braccio per tutta la settimana. Martedì prossimo faremo nuovi esami”, aggiunge Rabat.

"Quest'anno stiamo andando molto bene, siamo molto competitivi e cercheremo di raggiungere il miglior risultato possibile. Voglio ringraziare per tutto il sostegno e l'incoraggiamento che ho ricevuto dall'incidente”, conclude lo spagnolo.