La Grand Prix Commission, composta da Carmelo Ezpeleta, presidente di Dorna, Paul Duparc della FIM, Hervé Poncharal per IRTA, Takanao Tsubouchi per MSMA, Carlos Ezpeleta per Dorna, Mike Trimby, dell’IRTA in veste di segretario della riunione, e Corrado Cecchinelli, direttore della Tecnologia in MotoGP, si è riunita ad Assen lo scorso 30 giugno e ha preso alcune decisioni relative al regolamento tecnico e sportivo in vigore a partire dalla prossima stagione.

Organizzazione delle linee CAN, connessione e piattaforma inerziale - Sarà introdotto un nuovo schema di linee CAN più robusto sulle moto del MotoGP e sono state decise alcune limitazioni nello scambio di informazioni tra le linee CAN e il resto della ECU. Sarà anche introdotta una piattaforma inerziale unica.

Carenatura aerodinamiche - Le linee guida sulla progettazione aerodinamica sono state rilasciate dal Direttore Tecnico e sono stati introdotti nuovi limiti di dimensione delle appendici e nella combinazione delle varie parti. I progetti attuali saranno ancora consentiti ma non sarà possibile rimuovere o cambiare parti aerodinamiche significative. Inoltre, l’omologazione del 2019 si baserà sullo storico della stagione precedente.

Eccezioni al limite di età - È già permesso al vincitore del campionato del Mondo Junior Moto3 di partecipare alla categoria leggera del MotoGP anche se ha meno di 16 anni. Questa eccezione è stata estesa anche alla Red Bull Rookies Cup. In entrambi i casi, l'età minima per avere una licenza in MotoGP è di 15 anni.

Una versione aggiornata regolarmente del Regolamento FIM può essere consultata sul sito ufficiale.