Il brutto tempo che sembra accompagnerà i piloti nell'ultima gara di campionato in programma a Valencia, sembra il grattacapo più grande da affrontare. Ma i piloti si sa, quando c'è da andare forte hanno sempre un asso nella manica e Valentino Rossi è uno di questi: “il meteo sarà difficile ma dobbiamo  essere pronti in qualunque condizione.”

DI RITORNO DA SEPANG – Un viaggio di ritorno dalla Malesia quello di Valentino che di certo ha lasciato il segno. Tante le emozioni che si sono susseguite in un'unica giornata a partire dalla corsa per la vittoria del titolo di Moto3 di Bezzecchi (titolo vinto poi da Jorge Martin), la vittoria iridata in Moto2 per Francesco Bagnaia, e la gara di Rossi che è stata dominata da lui fino a pochi giri dalla fine:”è stata una giornata lunga ed emozionante – dice il Dottore- alla fine ero molto stanco, avevamo inziato già dalla Moto3 con Bezzecchi in lotta per il campionato, poi l'emozione di Pecco e anche per la prima vittoria dello Sky Racing Team VR46, insomma una giornata da ricordare. Anche la mia gara è stata buona la miglior gara della stagione anche se il finale non è stato lieto è stato un peccato tornare a casa con zero punti, ma rimane una buona gara ed è importante capire se qui a Valencia saremo competitivi.”

I TEST – Lunedì, poi, i piloti saranno impegnati sempre a Valencia per i primi test ufficiali e per la Yamaha ci sarà molto da capire per riuscire a preparare una moto competitiva per la stagione 2019:” il test di lunedì – prosegue Rossi – sarà importante. Dopo la Thailandia siamo migliorati, siamo stati più competitivi, Maverick ha vinto in Australia e io sono stato competitivo in Malesia ma abbiamo molto lavoro da fare. In inverno avremo tanto da testare e saranno importanti i prossimi mesi per sapere se saremo competitivi.”

STRESS MENTALE – Ma quanto è stato difficile da affrontare a livello mentale questo 2018? “Per me – spiega Valentino - è stata una stagione molto simile alla scorsa, al 2017, forse il 2017 è stato un po' meglio perchè all'inizio eravamo più compettivi dopo è stato difficile. In molte gare abbiamo faticato tanto e dopo è stato difficile mantenere la concentrazione. Ma in ogni modo mi diverto sempre, parto da casa sempre con l'umore alto, bisogna lottare e non mollare cercando di fare il possibile per essere forti e vincere. Se lotti per il podio ti diverti di più.”

CIAO DANI – Quella di domenica sarà anche l'ultima gara per Dani Pedrosa che dal prossimo anno non vestirà più i panni di pilota Honda e in conferenza stampa è stato chiesto a Valentino se l'addio di Dani lo facesse sentire ancora più vecchio: “non mi sento più vecchio senza Pedrosa – ha concluso – mi sento già vecchio di mio! Quando è arrivato nel 2006 eravamo spaventati perchè aveva vinto due campionati in 250 cc e al debutto in motogp chiuse al secondo posto. È stato un grande rivale per me e avrebbe meritato un campionato perchè ha vinto tante gare quindi ci mancherà speravo continuasse è un pezzo importante della motogp che se ne va.”