Alvaro Bautista del team Pull&Bear Aspar dice addio alla Motogp con l'ultima gara di Valencia. Dopo una seconda parte di campionato in cui ha lottato sempre per le prime dieci posizioni della classifica, arrivando anche quarto in Australia in sella alla Ducati ufficiale al posto di Jorge Lorenzo, lo spagnolo dovrà salutare la classe regina per appodare al Campionato Superbike dove dal prossimo anno correrà con la Ducati.

IL BILANCIO – Intanto, fa un bilancio di quella che è stata la stagione 2018 con un po' di rammarico nel lasciare la motogp proprio dopo una stagione così bella:”la mia sensazione – dice - è che potrei fare altre 10 o 20 gare in più. Nelle ultime gare siamo stati competitivi quindi mi mancherà questa sensazione, ma cercherò di concludere la stagione e la carriera in motogp nel migliore dei modi cercherò di godermi la gara, i tifosi e i piloti che saranno in pista con me, l'unica cosa negativa sarà il tempo ma non ci posso far niente.”

AMARCORD - “E' difficile scegiere il ricordo più bello di tutti questi anni – prosegue Bautista – sicuramente uno è quello della vittoria del campionato 125cc e i poi podi in motogp ma anche i momenti negativi sono stati importanti perchè da quelli s'impara tanto. Per un pilota la cosa più bella è salire in moto, è la cosa più bella che si possa provare."

IL FUTURO – E chissà che Alvaro non possa tornare in Motogp dopo aver vinto un titolo in Superbike:”chissà... - conclude - ora voglio finire la stagione nel miglior modo possibile poi vedremo, sarà interessante provare la moto nuova ma non la conosco.”