Il prossimo anno Max Biaggi debutterà nella Moto3 come team manager del Max Racing Team, nato dalla fusione con il SudMetall SchedlGP di Peter Oettl (leggi qui). Intanto, il sei volte campione del mondo ha fornito un’interessante riflessione tecnica dal suo profilo social.

L’IMU CENTRALIZZATA - “Oggi a Valencia iniziano i primi test della MotoGP per la stagione 2019”, ha esordito Biaggi.  Tra le tante novità ce ne sarà una piuttosto interessante, Infatti dal prossimo anno oltre all'ECU (il 'cervello' elettronico della moto) unificata, tutte le Case dovranno utilizzare anche la medesima IMU. Le IMU, le cosiddette piattaforme inerziali, sono costituite da una serie di piccolissimi sensori (MEMS) che trasformano la misura di una grandezza fisica in un impulso elettrico, in particolare con l'IMU si misurano le accelerazioni lungo i tre assi dello spazio. Attraverso queste informazioni è possibile conoscere grandezze fondamentali per la gestione dell'ECU.

“La critica mossa da alcuni competitor è che la mancata unificazione dell'IMU avrebbe potuto generare dei dati, opportunamente modificati in ingresso all'ECU, andando a costituire così un controllo di trazione più complesso, che teoricamente avrebbe aumentato la performance.

A maggior garanzia di trasparenza, un tecnico Dorna può scaricare e visionare i dati dall'ECU delle moto in qualunque momento del weekend di gar”a.

LE ALTRE NOVITA’ -  “Non è comunque l'unica novità”, incalza Biaggi, riferendosi all’IMU. “Infatti alle carene omologate con le ali non potranno essere tolti o aggiunti elementi. Questo espediente infatti generava varie configurazioni aerodinamiche a partire dalla stessa. Sono importanti novità che secondo me livelleranno ancora di più la competizione.

Voi pensate che in questo modo le Case che sono costrette ad inseguire, potranno avvicinarsi al vertice o credete che questo non sia comunque possibile?” conclude Max Biaggi lanciando un interessante sondaggio tra i suoi followers.

La foto in apertura ritrae Andrea Iannone in uscita dai box in sella alla nuova Aprilia, ed è l’immagine pubblicata da Max Biaggi per illustrare il suo post, che vi abbiamo integralmente riportato. Nessuna meraviglia per la scelta, considerando il ‘Corsaro’ è un brand ambassador della Casa di Noale.